Riconoscimento della fascia A della Rivista Stampa la pagina

Carissimi Colleghi, Giovani Studiosi, Utenti tutti,

con gioia e soddisfazione intendo comunicare a tutti che la Rivista “Diritti fondamentali” è approdata finalmente in fascia A. Lo considero il giusto premio agli sforzi comuni prodotti, dai Colleghi della Direzione a tutti i componenti il comitato di redazione, nel senso di favorire la crescita e lo sviluppo della rivista per consolidarla come finestra aperta sul dibattito dottrinale. Il cammino è stato lungo, anche impervio e difficile, sempre confortato però dalla speranza del successo finale. Questo approdo, perciò, rende senz'altro merito all'apporto di tanti Colleghi e giovani studiosi che hanno inteso affidare alla rivista –pur non catalogata tra quelle della massima fascia- l’ospitalità di qualche loro, autorevolissimo contributo scientifico.

Da oggi, dunque, ha inizio una nuova fase della vita di questa rivista. Come unico Direttore scientifico e responsabile quale sono stato finora ritengo (con un pizzico di orgoglio…perdonatemi) di aver portato a compimento il percorso che mi ero prefisso di realizzare, che terminava proprio con l’acquisizione della fascia A. Per ciò, mi sento davvero soddisfatto e vado fiero, pur senza ascrivermi meriti particolari se non quello di aver sempre creduto nella crescita della rivista e nel raggiungimento di questo traguardo.

Ma da questo punto in avanti, altri Colleghi insieme a me assumeranno l’onere della con-direzione della rivista, segno di una svolta che scandisce l’inizio di un nuovo percorso e di nuove strategie di orientamento che si intenderanno perseguire e realizzare. Pur senza fare nomi, consentitemi fin da ora di ringraziarli di cuore per questo impegno che si accingono ad assumere. Insieme alla Direzione, sarà l’intero assetto organizzativo della rivista a subi-re un rimodellamento per ancor meglio strutturarla e, se possibile, aprirla a nuovi settori di interesse, giurisprudenziale e scientifico.

Questa è un po’ la nuova sfida che ci ripromettiamo di affrontare ed il nuovo obiettivo che intendiamo realizzare. Ancora una volta, con lo sforzo comune, conto che ci riusciremo.

Grazie a tutti

Vincenzo Baldini